Google+

domenica 25 gennaio 2015

L' ipocrisia sulla sodomia in Arabia Saudita

Alla puntata della Zanzara su Radio24 del 23 gennaio, c è stato un interessante intervento di un ascoltatore di nome Massimiliano da Trento al minuto 36,50 del podcast disponibile qui. Massimiliano ha detto di essere un manager del settore farmaceutico e che in Arabia Saudita il prodotto farmaceutico con maggiori vendite è il lubrificante per rapporti sessuali. Ha spiegato che questo lubrificante viene usato dai giovani maschi arabi per avere rapporti sessuali con i loro amici, impossibilitati ad avere contatti con le giovani donne arabe dalla morale repressiva araba, che vuole la donna giovane "chiusa" nella propria famiglia, lontano da ogni contaminazione erotica!
Ecco l effetto dell aberrante cultura araba! Giovani donne limitate nei rapporti oltre la famiglia in attesa del matrimonio, danno come risultato una diffusa, anzi.....un enorme diffusione della sodomia da parte dei giovani arabi tra di loro!
E la sodomia in Arabia saudita è punita anche con la pena di morte! E bene ricordarlo.

Cari arabi che mi state leggendo.....siete pregati di dirmi se effettivamente questo Massimiliano si inventa delle cose inesistenti e se il mio pensiero sulla vostra cultura non è corretto, trovate la possibilità di commentare qui sotto, grazie!

gay condannato a 450 frustate

venerdì 9 gennaio 2015

Il disegnatore Wolinski incontra il dio delle FEMEN


Questa è la vignetta che Jacopo Fo ha disegnato per Wolinski, il disegnatore di fumetti ucciso mercoledì a Parigi nella sede di Charlie Hebdo.
Trovo che questa vignetta sia molto significativa pensando al dio delle +FEMEN perchè la redazione di Charlie Hebdo ha collaborato con queste femministe facendo dei disegni dedicati a loro sul giornale e nei locali dove le femministe hanno festeggiato in varie occasioni.

Consiglio di leggere l articolo originale di Fo ;)

Il testo dice:

Chi sei!?
Dio!
ma hai le tette!
credevi che fossi piatta!?

Questa sotto è una delle due copertine dedicate alle FEMEN, andate qui per trovare il loro articolo con il testo tradotto in italiano e tutti i disegni.

  

FEMEN nel mio Evernote
FEMEN nel mio Pinterest

mercoledì 31 dicembre 2014

La FEMEN Alexandra Shevchenko si è sposata

La bella Alexandra Shevchenko di 26 anni, si è sposata a Parigi nel mese di ottobre con Dmitry Kostyukov.
Alexandra, detta Sasha, è tra le più note +FEMEN per essere una delle quattro fondatrici del gruppo femminista internazionale, oltre che per la sua bellezza solare e simpatia. Si è sposata con il rito civile essendo lei atea.






FEMEN nel mio Evernote
FEMEN nel mio Pinterest

venerdì 26 dicembre 2014

Federico Lombardi e la FEMEN Iana

Federico Lombardi è il direttore della sala stampa del Vaticano. Ieri in piazza San Pietro è stata arrestata la +FEMEN Iana Aleksandrovna Zhdanova, che ha eseguito un azione di protesta per il diritto all aborto. Iana ha preso la statua di Gesù bambino nel presepe e l ha esposta al pubblico urlando i suoi slogan contro il Vaticano per il diritto all aborto.
I giornalisti italiani non hanno nemmeno cercato di spiegarsi questo gesto, alcuni hanno scritto che voleva rapire Gesù anche se esiste il sito ufficiale delle FEMEN per andare a verificare le reali intenzioni di queste diaboliche creature! Ma niente!......troppa fatica!
Così al giorno di Santo Stefano troviamo questo "padre" Lombardi che enumera i reati della cattivissima Iana, colei che ha osato offendere il sentimento religioso dei fedeli!

Lui dice:
"Il fatto è da considerare particolarmente grave per il luogo e le circostanze in cui è stato compiuto, offendendo intenzionalmente i sentimenti religiosi di innumerevoli persone", ha aggiunto il direttore della sala stampa. La donna, che aveva agito, come è consuetudine del gruppo, a seno nudo e con una scritta sul corpo con la parole "god in women", era riuscita a salire fin sul presepe all'interno della piazza, prendendo poi in mano il bambinello.

"Né bisogna dimenticare - ha continuato padre Lombardi -  che tre persone del gruppo Femen"avevano già compiuto recentemente, il 14 novembre, atti osceni offensivi per la fede cristiana nella piazza di San Pietro". 

"È quindi giusto - sottolinea Lombardi - procedere con opportuno rigore nei confronti del ripetersi di atti che violano intenzionalmente, ripetutamente e gravemente il diritto dei fedeli al rispetto delle loro legittime convinzioni religiose". 

Vedi qui l articolo completo dell Avvenire.
Ovviamente, nemmeno Lombardi dice il perchè di questa azione, non gli conviene dire cose a favore dell aborto viste le posizioni della chiesa cattolica riguardo a questo.
La verità sulla motivazione principale in questa vicenda sembra una cosa non dovuta a nessuno! :)
C è però una frase molto interessante....god in women! Dio nella donna!
Sembra che ad un prete non possa venire in mente la frase che Iana aveva scritto molto chiaramente sul suo corpo "GOD IS WOMEN"!....troppo difficile anche quello! Lombardi riferisce ai giornalisti una scritta immaginaria che solo lui vedeva, un illusione!
Se non si tratta di un refuso del giornalista dell Avvenire, questo vuol dire che per un prete è semplicemente impensabile una donna-dio e quindi inpronunciabile!.....Forse un prete può vedere solo madonne in giro, solo donne che hanno un dio dentro!?
Alla donna-dio delle FEMEN preferiscono evidentemente l uomo-dio che Gesù rappresenta! ;)
Questo è il punto, che riassumo così:

UOMO-DIO VS DONNA-DIO

chi vincerà!?

L articolo originale in italiano lo trovate qui con tutte le foto.





Sotto, Inna Shevchenko si prepara a sostituire Gesù (notare le mutande rosse che simboleggiano la potenza della passera)

Una foto pubblicata da Inna Shevchenko (@innafemen) in data:


Aggiornamento del 27/12/2014: Iana è stata liberata oggi, questo è l articolo di repubblica.it

FEMEN nel mio Evernote
FEMEN nel mio Pinterest

giovedì 25 dicembre 2014

Il documentario "Io sono FEMEN" di Alain Margot

La televisione svizzera-italiana RSI ha trasmesso il documentario "Io sono FEMEN" di Alain Margot in lingua italiana, il primo di dicembre.
Questa sotto è la mia playlist in cui ho riunito le 8 parti di questo documentario registrato da Kevin Zanti.

Consiglio a tutti gli italiani di vedere questo importante documentario sulle +FEMEN!

locandina del documentario



Aggiungo il video della FEMEN Elvire Duvelle-Charles che riassume un anno di attività e in cui sono intervistate delle ragazze francesi veramente molto carine! ;)


Femen, One year as an international movement from Elvire Duvelle-Charles on Vimeo.

FEMEN nel mio Evernote
FEMEN nel mio Pinterest



L' intervista della FEMEN spagnola Lara Alcazar

La bella Lara Alcazar delle +FEMEN spagnole, è stata intervistata di recente da Carmen Villanueva per Let' s Guide.
E una buona intervista che consiglio anche agli italiani per la comprensibilità della lingua e per l ottimo montaggio video che permette di conoscere le FEMEN nei vari avvenimenti successi fin ora in modo sintetico.





FEMEN nel mio Evernote
FEMEN nel mio Pinterest

lunedì 15 dicembre 2014

La prima collezione di moda delle Torino fashion bloggers

Le Torino fashion bloggers sono nove ragazze torinesi appassionate di moda riunite a Torino, si possono trovare in rete qui. Il 15 di questo mese hanno presentato all emporio sociale Pandan la loro prima collezione di moda con la loro etichetta #TFBcollection (l etichetta è la "griff" dei francesi) prodotta da loro stesse in collaborazione con la sartoria Il Gelso di Torino di cui vedete alcuni modelli sotto, indossati da tre graziose TFB.
Io conoscevo già il blog di una delle più carine di loro, Gemma. Mi ricordo che a lei avevo chiesto se fosse stata disposta ad indossare una gonna unisex che avevo in mente, ma poi non ho più proseguito nel mio intento anche se mi rimane bene in chiaro il progetto, quindi vedendo l annuncio sulla loro pagina su Facebook ho avuto un pizzico di invidia per questa collezione, ma preferisco farle conoscere piuttosto che "rosicare". Anche perchè ho scoperto che, sia la sartoria che l emporio con cui collaborano fanno parte della cooperativa ergonauti che ha una caratteristica interessante.....danno lavoro alle persone "in condizione di certificato svantaggio fisico, mentale o sociale", una realtà che non conoscevo e che mi sembra utile segnalare come le TFB.



le nove TFB che si autodefiniscono "sognatrici"

In questo momento non ho trovato le foto dei singoli abiti, appena troverò delle foto dettagliate della loro collezione, pubblicabili in rete, aggiornerò questo articolo ;)